[[ Download Best ]] Io sono morto Author Vera Q. – Vivefutbol.co

Io Sono Morto Un Thriller Surreale, Una Commedia Nera Che Inizia Dalla FinePierPaolo Fabbris, Imprenditore Cinquantenne, Muore Stroncato Da Un Infarto E Scoprir , A Sue Spese, Quanto Pu Essere Complicata La Vita Dopo Il Trapasso Certezze Che Si Dissolvono Per Lasciare Spazio A Nuove Strampalate RealtFede, Superstizione, Dei E Demoni, Una Giostra Multicolore Nel Tetro Luna Park Della Morte, Nel Quale Vittime E Carnefici Si Contendono L Ambito Scettro Del PotereUn Viaggio Insolito, Morboso E Singolare All Insegna Del Paradosso


10 thoughts on “Io sono morto

  1. says:

    Se Io sono morto fosse un film sarebbe un film low budget questo che continuavo a ripetermi durante la lettura del terzo libro di Vera Q La gran parte della storia ambientata nello spazio di 33 passi, ma questo non per niente limitante e soffocante, soprattutto se, come il caro PierPa, puoi andare ovunque indisturbato.Molti capitoli si svolgono nel salotto sala da pranzo della casa di PierPaolo, cinquantenne che, dopo la morte per improvviso infarto, si ritrova a fluttuare tra Fede e Ragione, dove avvengono gli importanti avvenimenti della sua famiglia.A far compagnia a PierPaolo ci son due personaggi uno pi riuscito dell altro, Dio e Satana, che hanno il compito di convincere il defunto a lasciarsi andare nel loro abbraccio divino per non dover pi dover assistere ai drammi della famiglia che ha abbandonato.Jesus e Lucy, come i due compari amano chiamarsi a vicenda, trovata geniale che mi ha fatto ridacchiare sommessammente, in realt stanno solo aspettando che il pranzo si cuocia a dovere.Ho trovato molto interessante la visione che ha Vera delle divinit e del loro potere pi adepti hanno pi il loro potere aumenta ed il loro compito quello di cacciare In generale questo concetto l avevo gi trovato in American Gods, ma la scrittrice introduce nuovi aspetti che fanno riflettere e completano ed ampliano la visione di Gaiman.I battibecchi tra Lucifero e Dio li ho trovati molto frizzanti, cinici e divertenti inutile dire che mi sono ritrovata a ridacchiare perfidamente leggendoli.E qua voglio parlare di Lucifero, il caro Lucy, il mio personaggio preferito di questa storia Ho trovato geniale come Vera Q sia riuscita a rappresentarlo Il Tentatore una prima donna, una drama queen vuole sempre essere al centro dell attenzione e ama dare spettacolo, soprattutto in compagnia di Jesus La sua fissazione per le opere in cui compare mi ha fatto troppo ridere e ammetto che mi sia saltato un battito del cuore quando ha citato Lovecraft e vari film horror in particolare ho apprezzato il riferimento alla casa di La Casa Anche la figura di Dio molto innovativa, nonostante sia raffigurato classicamente questo Dio non buono, un approfittatore, un manipolatore Se, di solito, Satana e Dio vengono raffigurati come la faccia opposta della stessa moneta, in Io sono morto occupano lo stesso lato, con due volti, alla Giano.I libri di Vera sono capaci di farti andare in conflitto una parte del tuo cervello ti intima ad andare avanti velocemente con la storia perch , AAAH AIUTO, voglio sapere come va a finire, per l altra parte, che con me sopraff la prima, ti costringe a leggere lentamente perch ogni parola piena dello stile della talentuosa scrittrice e non si pu passare oltre senza prestare attenzione Molto spesso, difatti, mi sono ritrovata a rileggere interi paragrafi per meglio apprezzarli Tutti i libri di Vera Q meritano delle riletture, me lo ripeto sempre Io devo fare una petizione per farmi comprare un nuovo Quore da Vera Q perch ogni volta che leggo un suo libro lo perdo durante la lettura dell ultimo capitolo Io lo so, lo so che lei ama stravolgere la storia all ultimo momento, per ogni volta, presa dalla narrazione come sono, mi dimentico di questo particolare e ogni volta mi ritrovo a saltare su dal letto e ad imprecare per la sorpresa m scappato un sorriso quando mi sono resa conto d averlo fatto perch ho pensato a cosa avrebbe detto il Dio ritratto da Vera Ottima colonna sonora del libro quella di Hemlock Grove Che altro, questo, tra i tre libri di Vera Q che ho letto, il mio preferito, per lo stile, che molto migliorato e che AMO e per la storia, e l argomento divinit , che mi hanno attratta da morire.Quindi un grande applauso a Vera che riuscita a superarsi un altra volta, anche se non avevo dubbi in merito Tra l altro, stavo riflettendo che avrei bisogno di altre cinque stelle per poter dare un voto veritiero a questo libro, perch se per i primi due ho dato 5 stelle piene, e questo li supera di una spanna, evidentemente questo voto non esatto.


  2. says:

    Di questo nuovo lavoro di Vera Q mi ha stupito la caratterizzazione dei due protagonisti indiscussi, Dio e Satana Quest ultimo surclassa di una spanna il Woland di Bulgakov per molti star dicendo un eresia ma questa versione del diavolo dipinta dall autrice davvero troppo esilarante e umana, troppo umana Irriverente, caustico, mattacchione, incontenibile per non parlare delle citazioni acculturate di cinema e letteratura, questo stato un tocco geniale e un incredibile valore aggiunto Dio, d altro canto, nonostante mi abbia spiazzato la rappresentazione canonica che ne fa l autrice non mi aspettavo lo ritraesse pedissequamente in tunica di lino e lunga barba bianca, mi sarei aspettato qualcosa di pi anticonformista , mi ha fatto morire quando si lascia andare a esclamazioni di insofferenza verso il suo socio, arrivando a nominare il proprio nome invano mi ha ricordato un libro di Giobbe Covatta, quando qualcuno esclama Ges per esternare il proprio stupore, e Ges stesso risponde Oui, c est moi Per quanto riguarda lo stile, siamo sempre sulle stesse corde dei due lavori precedenti, anche se qua e l si nota una piccola voglia di strafare, nell accostare certi termini oppure in alcuni voli pindarici La torsione narrativa sul finale spiazzante, tanto che ho dovuto rileggere l ultimo capitolo per rimettere ogni tassello al suo posto In conclusione, la forza di questo libro sono i personaggi che offuscano nel senso positivo del termine una storyline onirica, a tratti anche cruda, alleggerita come sempre da uno stile e una verve ironici e taglienti a cui l autrice ci ha ormai abituato.


  3. says:

    Prefazione a cura di Manuela Paric.Bene, ottimo inizio.Poi proseguo Io sono morto Ed in effetti il morto c fin da subito, senza tanti giri attorno alla questione.Continuo a leggere con interesse, curiosa fin da subito di arrivare a scoprire quale anomalia tenga il morto ancorato alla realt , mi immergo nelle pungenti vicende di dei e diavoli un fantasy pi che atipico, mi dico, una commedia irriverente con elementi soprannaturali E sorrido fino alla fine.Quasi.Poi capisco che non c era poi tanto da ridere E il mio cuore perde un battito, quando giungo dietro le quinte del siparietto iniziale.Consiglio davvero a tutti di leggere questo racconto ne vale la pena, per le emozioni che riesce a suscitare, per lo stile con cui scritto, per le riflessioni a cui lascia spazio Perch Vera Q ha la capacit di descrivere la realt con una tale ironia, e un tale distacco, da suscitare emozioni assolutamente contrastanti nello spazio di poche pagine, tanto da esser riuscita a farmi divertire leggendo qualcosa che ha a che fare con il peggio della nostra realt.


  4. says:

    Cosa si pu dire di questo libro Che mi piace il modo dell autrice di immaginare l aldil e suoi abitanti Il rapporto fra Dio e il suo antagonista gestito con maestria tanto che ad un certo punto quasi impossibile distinguere chi fra i due sia pi abietto Cos umani nei loro vizi, nel loro modo di fare, nel loro modo di interagire In un qualche modo mi sono sentita compartecipe del loro problema, turbata dall ateismo dilagante di questa famiglia Invecchiando stavo per cedere alla tentazione di abbandonare il mio di ateismo e optare fortemente per i campi elisi adesso dovr cominciare nuovamente tutto da capo Posso sempre sperare di essere rapita dagli alieni


  5. says:

    Terza dannatissima riconferma del genio dannato di Vera Q All inizio sembrava leggermente sottotono per essere una sua produzione, poi in un crescendo vorticoso che ci regala pennellate di genio magistrali si compie l atroce supplizio immancabile, cifra del Vera style Originale, sregolato, eccessivo, prende una posizione chiara e forte, come piace a me sicuramente ci sar uno stuolo di detrattori a prescindere, dato che il tema la religione, ma sono sinceramente problemi loro Menzione d onore anche per la prefazione di Manuela Paric Clap your hands per questa combo


  6. says:

    A chi non piacerebbe guardare sullo stesso piano spaziale tutti gli dei conosciuti Sicuramente a Pierpa, visto che appena morto.Come non farsi scappare un sorriso alle infinite discussioni di Jesus e Satana Roba da filmIrriverente, a volte persino triste, ma tanto, tanto visceralmente sentito sulla pelle, questa ennesima perla di scrittura che solo Vera sa dare.Leggetelo con attenzione, indugiando su ogni frase come fare un esame Se vi scappa qualcosa b , farete come me, tornerete indietro per capire come e dove va a parare il suo strabiliante finale.


  7. says:

    LOVE


  8. says:

    Eccomi qui a commentare un altro racconto di Vera Q autrice con cui condivido non solo le iniziali ma anche credo la stessa vena umoristica Be la mia prende altre pieghe, ma solo perch sono troppo buono per farvi del male.Questo un racconto che mi ha molto divertito e che mi ha ricordato un pochino un autore che adoro, Terry Pratchett, sia per questo giocare con morte e divinit , sia per l umorismo Lo so, sto bestemmiando, ma che vi devo dire, questo mi venuto in mente e questo vi dico, sinceramente.Niente da dire per il resto, per ora la ragazza non mi ha mai deluso, qualsiasi sia il genere che affronta, sempre che si possa attribuire un genere a certi racconti.Concludo dicendo che Io sono morto mi piaciuto pi di 2017, e che spero vivamente di non essere deluso dal prossimo, visto che l ho gi preso


  9. says:

    Una sacra rappresentazione sarcastica, una prova surreale di humour noir.Il tema, come si ricava dal titolo, gia di per s surreale, tra i pi spaventosamente affascinanti per gli esseri umani la morte.Che cosa accade quando io sono morto Forse il nulla o forse no Forse un teatrino grottesco in cui l anima ma esiste davvero l anima contesa tra Dio e Lucifero Lucy, per gli amici.Un romanzo davvero fuori dagli schemi, che attrae con una magia tutta particolare, ovviamente magia nera.


  10. says:

    Peccato non si possa avere cartaceo, ma proprio come il protagonista, vaga nelle nostre menti e non ci permette di pensare ad altro.